VISITE
Vangelo del giorno
Mercoledì 03 Agosto 2022
In   quel tempo, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco, una donna cananea, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola.
Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele».
Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».
Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita.


(Mt 15,21-28)
Bibbia – CEI 2008
Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Tirisan

Padre Zanotelli:

«Fermare i privati è fondamentale, dall’acqua dipende il futuro di milioni di persone»

«Sull’acqua ci giochiamo tutto e guai a noi  se non riusciremo a vincere questa battaglia,  è fondamentale per la vita di milioni di persone».

Dobbiamo tenere gli occhi aperti,  i grandi maghi della finanza, soprattutto in America, suggeriscono di investire sull’acqua, perché i profitti sono del 30% in più rispetto ad altri settori di investimento

Francesco Forgione, ha messo in guardia dal rischio di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata.

«Dalle lotte di Danilo Dolci in poi – ha detto – il binomio acqua-mafia ha assunto connotazioni storiche.

Non è un caso che abbiamo ancora oggi dissalatori gestiti da imprenditori condannati per associazione mafiosa, come Pietro Di Vincenzo».

Ecco perché ha ribadito Forgione «l’acqua deve rimanere pubblica, è necessario bloccare tutti i processi che intendono consegnarne ai privati la gestione».

Gestione mista equivale a privatizzare, i Comuni perdono la gestione del servizio idrico integrato e resta un rapporto tra il consiglio di amministrazione dell´Ato e il privato».

«Sull’acqua ci giochiamo tutto.

Senza petrolio potremo anche vivere, ma senza l’acqua no».  Parola di Padre Alex Zanotelli.

«Sull’acqua ci giochiamo la democrazia – dice Zanotelli – è qualcosa di troppo importante.

 Se adesso si combattono le guerre per il petrolio, in futuro si faranno guerre per l’acqua».

Ll’acqua è un dono di Dio, il cantico di San Franceso declamava l’acqua: “Umile, preziosa et casta”.

 Nel mondo di oggi, dove tutto viene trattato come una merce di scambio, anche l’acqua è mercificata e privatizzata. L’uomo è fatto di acqua, e chi mercifica l’acqua mercifica l’uomo.

alex-zanotelli.jpg

j0400015.jpg 

Manifestazione contro la privatizzazione dell’acqua 29 – 30/09/07 
Significativa manifestazione in piazza Margherita il 30.09.07  contro la privatizzazione dell’acqua alla quale hanno partecipato Giuseppe Mattei, di LIBERACQUA, Gioacchino Cannizzaro, Silvio Bonomo.

 Sono intervenuti il Capo Gruppo PD Cons. Carmelo Mazzola e Rosario Bonomo, segretario comunale del Comune di Gangi.  

 Tutti i partecipanti hanno  ribadito che  in ogni provincia la privatizzazione dell’acqua e l’affidamento degli Ato ,sta avvenendo in modo anomalo.
In alcuni casi, alle gare si è presentato un solo concorrente  facendo pensare a una spartizione a tavolino.
 L’affare è “ un grosso affare “ ci saranno da gestire soldi ( pericolo di possibili infiltrazioni mafiose, specie nella gestione dei subappalti ) e posti di lavoro ( pericolo di voti di scambio ).  Di contro nessuna garanzia sul costo che ricadrà sul cittadino che sicuramente a distanza di un anno si vedrà triplicare le bollette. 
 Privatizzare l’acqua è un grosso danno per l’uomo in quanto tale.
Silvio Bonomo, nel corso del suo intervento, ha richiamato un passaggio di P. Alex Zanotelli “ l’uomo per  circa il 70 % è costituito d’acqua: privatizzare l’acqua significa privatizzare l’uomo e assoggettarlo alla tirannia dei “ magnati dell’acqua” 
 Gioacchino Cannizzaro dopo una esauriente disanima dei vari passaggi amministrativi consumati nelle varie sedi istituzionali, che hanno portato alla privatizzazione,  ha sottolineto l’incoerenza della giunta di sinistra guidata da Mario Cicero e del Consiglio comunale che, attraverso varie perfomance ( contrarietà, indifferenza, disponibilità ), hanno deciso di non opporsi nell’ affidare la gestione dell’acqua ai privati.  
Carmelo Mazzola ha cercato di spiegare, non convincendo, che la scelta adottata dall’amministrazione era una scelta obbligata alla quale ormai l’amministrazione non si poteva sottrarre, dato che, anche deliberando di non consegnare le reti idriche ci saremmo veduti piovere un commissario. 
In replica gli è stato detto che al di sopra di ogni imposizione non condivisa dovrebbe prevalere la coerenza con i successivi atti derivanti. 
 A conclusione Rosario Bonomo ha invitato a non demordere :ancora c’è la legge  da approvare in senato e si è in attesa della pronunzia del TAR del Lazio, per cui ha invitato tutti a continuare in modo efficace la protesta perché è impossibile soffocare la speranza. 
 Qualcun altro dalla folla ha detto che, come in val di Susa con la forza del popolo è stata bloccata la TAV, così anche una opposizione condivisa e efficace potrà produrre gli stessi frutti  sulla privatizzazione dell’acqua. 
 Un plauso al movimento spontaneo unica forza di opposizione in un paese soffocato e mortificato dal “piccolo principe“.
Rosario Ignatti

{democracy:2}

gambro-acqua-1.jpg
[gambaro-acqua.jpg 
aciuqa-gamb-3.jpg

acqua.jpg

Sabato 29 e Domenica 30 ore 18

manifestazione a Castelbuono

P.zza Margherita contro

a privatizzazione dell’acqua

Giorno 17 settembre il consiglio comunale di Castelbuono, convocato in seduta aperta alla presenza di un pubblico insolitamente numeroso ed attento, ha dato il via libera richiesto dal Sindaco Mario Cicero per consegnare le reti idriche e gli impianti alla società aggiudicataria (ed unica concorrente) della gestione monopolistica del servizio idrico integrato nella provincia di Palermo per 30 anni.

Nel corso del dibattito hanno preso la parola Gioacchino Cannizzaro, in rappresentanza dei cittadini promotori di una delibera che invece intendeva bloccare la consegna delle reti e degli impianti, e Giuseppe Mattei, per il comitato civico Liberacqua.
Entrambi hanno sottolineato l’opportunità che la proposta di delibera fosse approvata nella sua stesura originaria; in particolare Mattei ha fatto rilevare che le modifiche proposte dal partito democratico di Castelbuono, come la richiesta di una percentuale del 3 per cento sul fatturato, l’esecuzione entro i tre anni delle opere indifferivbili e l’esenzione per le fasce più basse, non possono avere applicabilità pratica, perchè in contrasto con il piano d’ambito e con le decisioni prese dall’autorità d’ambito, e comunque incompatibili con i principi privatistici che vengono invece supinamente di fatto accettati consegnando gli impianti; ha ricordato che più di 50.000 siciliani hanno firmato la proposta di legge per l’acqua pubblica, e che è in discussione la moratoria delle privatizzazioni al Senato.
Cannizzaro ha ricordato che diversi amministratori, tra cui l’assessore Genchi in prima linea, avevano preso pubblici impegni a favore della scelta di portare a fondo la lotta per la gestione pubblica dell’acqua, impegni che oggi vengono clamorosamente disattesi; ha affermato tra l’altro che la paventata perdita dei finanziamenti  non può giustificare un atteggiamento succube verso i privati, in quanto, nel caso di successo dell’opzione pubblica, per la quota parte dei comuni sarebbe comunque dovere di Stato e Regione intervenire, essendo le opere idriche di prioritaria importanza tra i lavori pubblici da realizzare nel Paese.
In ogni caso, ha continuato, il rischio di perdita dei finanziamenti c’è comunque, visto che le opere andrebbero rendicontate entro il 2008, ed anche alla luce delle illegittimità denunziate nella procedura di aggiudicazione oggi all’attenzione del TAR e visto inoltre quanto si sa circa l’esistenza di una indagine giudiziaria in corso: in questo caso la responsabilità sarebbe addebitabile non certo a chi si è opposto a tutto ciò ma a chi ha sostenuto a testa bassa questo strano percorso di privatizzazione, a cominciare dal Presidente Musotto e dai Sindaci che lo hanno seguito fin dall’inizio, tra cui quello di Castelbuono.
Il Sindaco, da parte sua, ha sentito la necessità di articolare argomentazioni molto elaborate per circa un’ora, al fine di contestare quanto affermato dagli interlocutori, difendendo le modifiche apportate alla delibera dal gruppo del partito democratico; anzi ha affermato che esse sono state redatte con la sua fattiva partecipazione, ed ha motivato la volontà sua e del suo gruppo di consegnare le reti agitando il pericolo della perdita dei finanziamenti per il comune, e dando così per scontato che tra i primi impegni del gestore privato ci sia il rifacimento della rete idrica di Castelbuono (ma così non è, visto quanto si legge nel piano delle opere da realizzare nel primo quinquennio, diffuso dall’ATO).
D’altra parte non è mancata l’accusa di populismo ai promotori della delibera ed al rappresentante di Liberacqua da parte dello stesso Sindaco di Castelbuono (!).
L’assessore Genchi, chiamato in causa, ha risposto affermando con convinzione cose che sono rimaste oscure ai più, ed incomprensibili agli altri; l’unica cosa chiara a tutti è che non si dimetterà.
Altri importanti esponenti del gruppo consiliare del PD hanno convintamente e con elaborate argomentazioni difeso non solo la consegna delle reti, ma anche le privartizzazioni in generale dell’acqua e di tutti i servizi pubblici, tra cui, in particolare, la sanità.
I consiglieri di centrodestra hanno preso con soddisfazione atto  e si sono rallegrati del fatto che il PD sia venuto sulle loro posizioni, da sempre favorevoli alla privatizzazione, ed hanno proposto a loro volta altre modifiche a loro dire migliorative alla delibera.
Alla fine la proposta di delibera, svuotata di ogni contenuto di rottura, e cassato l’impegno a non consegnare le reti e a non segnalare personale al gestore privato, è stata approvata all’unanimità dai consiglieri presenti, i quali hanno pertanto suggellato quanto ormai era chiaro, e cioè la sostanziale assenza di differenze tra i due (cosiddetti) schieramenti presenti in Consiglio, che si sono trovati d’accordo anche su questa scelta.
é chiaro che il dissenso popolare verso la privatizzazione dell’acqua rimane forte e non potrà essere messo a tacere da questo provvedimento del Consiglio comunale di Castelbuono: altre iniziative sono in programma in questo ed in tutti i comuni della provincia.
Per i cittadini firmatari della proposta di delibera di non consegnare le reti e gli impianti al gestore privato
Gioacchino Cannizzaro

MANIFESTO DEI CITTADINI CASTELBUONESI
PER LA DIFESA DELLE SORGENTI,
DEGLI IMPIANTI E DELLE RETI IDRICHE
DALLA PRIVATIZZAZIONE

Noi sottoscritti cittadini di Castelbuono

Dissentiamo fermamente dal proposito manifestato dal Sindaco di Castelbuono Mario Cicero di consegnare le reti idriche e gli impianti alla società Acque Potabili Siciliane.

Dissentiamo anche dal voto concordemente espresso dai consiglieri comunali  di centrodestra e centrosinistra, che ha autorizzato il Sindaco a  procedere in tal senso.

Non dimentichiamo che in campagna elettorale il Sindaco e il suo raggruppamento politico avevano espresso pubblicamente il proposito di opporsi alla cessione ai privati del servizio idrico.

Ricordiamo anche che, con una delibera del gennaio scorso, il passato Consiglio comunale aveva deliberato la revoca della convenzione di gestione tra il Comune di Castelbuono e l'ATO idrico, con il voto favorevole di diversi amministratori attuali di entrambi gli schieramenti.

Pertanto in base a quale convenzione il Sindaco Cicero si appresta a consegnare impianti e reti? In base a quella redatta dal commissario ad acta contro la quale lo stesso Sindaco ha proposto ricorso?

Ricordiamo infine che il 22 giugno, in pubblica assemblea, l'Assessore Genchi aveva espresso l'impegno della Giunta ad opporsi al passaggio alla gestione privata del servizio idrico.

Siamo decisi a difendere dalla mercificazione e dall'assoggettamento al lucro la nostra risorsa idrica e gli impianti, realizzati grazie all'impegno e alle battaglie di generazioni di Castelbuonesi.

Riteniamo infatti che l'acqua vada distribuita prima di tutto in base ai principi della solidarietà, dell'utilità collettiva e del risparmio della risorsa.

Non ci facciamo ingannare dal miraggio dei finanziamenti, che intendiamo preservare a favore della collettività, assicurandoli alla gestione pubblica, e sottraendoli a chi invece li vuole utilizzare per arricchirsi.

Non ci convincono le retoriche richieste di percentuali ed esenzioni con cui il Sindaco ed il Consiglio comunale hanno accompagnato la delibera con la quale intendono consegnare la nostra acqua al colorito raggruppamento privato aggiudicatario di una gara con un unico concorrente.

Ci sdegna la sottomissione degli organi politico-amministrativi di questo comune alle scelte imposte dalla giunta provinciale Musotto, contro la volontà dei cittadini più volte manifestata con migliaia di firme.

Siamo peraltro consapevoli che la privatizzazione piace alla casta dei politici,  perché farebbe aumentare la loro presa ed il loro peso sulla società e sull'economia, grazie ai privati che li "faranno sognare" aprendo loro ampi spazi senza alcun controllo per incarichi, consulenze, appalti, subappalti, cariche societarie e simili per amici in carriera e clienti da nutrire.

Noi non ci stiamo.

E quindi:

Ci impegniamo a manifestare con forza in ogni modo pacifico e non violento il nostro dissenso e la nostra opposizione al passaggio delle reti idriche e degli impianti ai privati.

A tal fine diamo vita al "Comitato castelbuonese no privatizzazione - Liberacqua", e ci impegniamo a partecipare alle iniziative che via via saranno programmate.


Utenti collegati
Liturgia del giorno
Cliccando sulle icone link per visualizzare e accedere alla liturgia del giorno e alla liturgia delle ore.
Le vignette di T&T

Cliccando sulla immagine link per visualizzare le vignette. Richiedi password per accedere




Concili
nella storia
della Chiesa

Piccola
biblioteca
da "sfogliare"

Raccolta video
"Il Confronto"

I Migranti sono
Persone..
non questioni
migratorie

Riflessioni sui
Migranti:
ricordando
La storia
di Ruth

P. Sorge
La politica
di chiusura
Mostrerà
la propria
disumanità

Lettera al
Presidente
della Repubblca
delle clarisse
carmelitane

Il nuovo patto
delle Catacombe
Chiesa povera
per i poveri

Cardinale Zuppi
a "Che tempo che fa"