Vangelo del giorno
Domenica 16 Giugno 2024
In quel tempo, Gesù diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».
Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».
Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.
(Mc 4,26-34)
Bibbia – CEI 2008
Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Tirisan

Solo la Parola ascoltata, accolta, conservata e meditata sa creare i profeti capaci di scelte liberatrici e precorritrici, sa creare degli uomini che, fedeli alla terra e all’umanità, ci parlino di Dio! ( E. Bianchi) In questa sezione:

  • la lettura continuata della Parola secondo il calendario della Piccola Famiglia dell’Annunziata.
  • le riflessioni sulla Liturgia Domenicale e Festiva
  • il foglietto della S. Messa
 
Lectio Quotidiana
( Vangelo di Marco)
 
Lectio Festiva

XI Domenica T.O.B

Click per aprire file

 

Enzo Bianchi 
XI Dom. T.O.
Fr. Alberto Maggi
XI Dom. T.O.
Don Giuseppe Bellia
XI Dom. T.O.
P. Ernesto Balducci
XI Dom. T.O.
Sabino Chialà ( Monastero di Bose 
XI Dom. T.O.

Foglietto S. Messa ( Tablet)

Font per testo greco greek
 

Cal Aprile Mag Giu 2024

Foglietto S. Messa ( Stampabile A-R – ISO B4)

 

 

 

www.ilconfronto.com

click per aprire video

Padre Angelo Calì nasceva a Castelbuono il 19 giugno del 1943, terzo di tre figli. Il Papà, Alfredo, uomo buono e
falegname e la mamma Vincenzina Mogavero, donna forte, pia e riservata,  l’hanno accompagnato nella scelta verso il sacerdozio che fin da piccolo aveva manifestato.

      Nel 1954 entra nel Seminario Vescovile di Cefalù assieme al suo amico e fratello nel sacerdozio Don Santino Di Gangi.
Il 29 giugno del 1966, nella  solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, insieme a don Sebastiano Scelsi, don Antonio Cortina viene ordinato sacerdote nella  Cattedrale di Cefalù da, Mons. Emiliano Cagnoni.

     Fin da subito inizia il suo ministero sacerdotale a Castelbuono, dove sempre è rimasto, prima come vice parroco di Don Paolo Raimondi, e poi come parroco dal 1987 dopo la morte di Don Paolo dal quale ha ereditato l’amore per i giovani, per il nuovo , l’accoglienza soprattutto verso i profeti del nostro tempo.

       Oltre gli studi teologici presso il Seminario di Cefalù ha conseguito la Laurea in Filosofia discutendo la tesi su Ernst Bloch, innamorato, com’era, della Teologia della Liberazione trasmessa a lui e poi ai “ suoi” giovani dall’amato e fratello di sempre P. Emilio Piro

      La laurea gli ha dato l’opportunità di insegnare al Liceo Scientifico “ Luigi Failla Tedaldi” di Castelbuono, non per un fatto economico ma per essere vicino a quella generazione di giovani post sessantottini, capirne e condividere le esigenze facendoli innamorare, con delicatezza, di quelle esperienze dove sinodalità ed ecumenismo  ne  costituivano i pilastri ( Taizè, Bose; Piccoli fratelli del Vangelo, etc.).

   Nessuna barriera con chi la pensava diversamente, con si proclamava non credente, anzi disponibilità all’ascolto attento e sincero nella certezza che dentro il cuore di ogni uomo non può esserci che bontà, perché creati a immagine e somiglianza dell’Amore.

      Nel 74, anno in cui si votò per il divorzio, nel dibattito nel mondo cattolico scelse il percorso di Carlo Carretto e con coraggio, in un confronto non si sottrasse nel richiamare chi non voleva dialogo almeno ad aprire il cuore all’ascolto.

    Ha portato il vento nuovo del Concilio  aprendo con gioia le porte a quanti con coerenza di linguaggio sognavano ( perché la Chiesa non è dei nostalgici ma dei “ sognatori” ), come diceva il cardinale Martini,  una Chiesa che non insegue il potere ma pratica il servizio, che alla condanna preferisce la misericordia, che è «consapevole delle sofferenze quasi insopportabili di tanta parte dell’umanità, sinceramente partecipe delle pene e desiderosa di consolare»

  La gioia brillava nei suoi occhi quando ci faceva dono di Don Salvatore Boccacio,  che ci ha fatto conoscere  il movimento “ Pro Sanctitate”; Frere Paul dei Piccoli Fratelli del Vangelo di Spello, P Emilio Piro, P. Remigio Targia; Gianni Novello che ha sempre accolto quanti , con Don Angelino, si recavano a  Taizé; Enzo Bianchi e la Comunità di Bose; Mons. Luigi  Bettazzi, Alberto Maggi, etc..

  Nel suo camminare ha fatto esperienza di solitudine e dolore per le tante prove che , nello scorrere del tempo e nelle dinamiche umane, ha dovuto affrontare nella debolezza che diventava fortezza per la potenza della Trinità che non ha mai cessato di abitare in Lui e che lui non ha mai cacciato.

   La malattia poi lo ha ulteriormente trasformato .. e attraverso il crogiolo della sofferenza il Signore gli ha concesso tutto il tempo per avvicinarsi alla morte non con disperazione ma nella certezza che dopo la stessa esperienza di abbandono  di Gesù sulla Croce, anche per lui, che ha creduto fino alla fine, la nube che velava il volto di Dio si sarebbe spezzata per poterlo contemplare e sedere, per il battesimo ricevuto, al banchetto Trinitario. 

Don Angelo ci ha lasciati all’età di  80 anni, alle ore 12,30 di sabato 21 ottobre 2023.

   Nella sera del 23 Ottobre la comunità di Castelbuono si è unita in preghiera nella Chiesa Parrocchiale Maria Assunta in una veglia  partecipata, silenziosa e commossa.

Le esequie sono state celebrate Martedì  24 ottobre  sempre nella “ sua” Matrice Vecchia   con una solenne concelebrazione presieduta dal Vicario della nostra Diocesi P. Giuseppe Licciardi in presenza del nostro Vescovo Mons. Giuseppe Marciante che ha tenuto l’omelia.

  Con Padre  Angelo che è stato sempre dietro a Cristo che non finirà mai di richiamarci a stare  sempre dietro al Maestro  quando siamo tentati di superarlo o condizionarlo al nostro sentire, preghiamo:

 

Vorrei sedurti, Signore,

con la forza della mia fragilità.

Tu che ti sei fatto debolezza

per confondere i forti

scompiglia questa Tua

povera Chiesa dei poveri

che si ostina

camminare davanti a te.

Fa che ritorni nel deserto,

spoglia di tutto l’effimero

che oscura la sua bellezza,

e là, parla al suo cuore

purificala, carezzala

con la delicatezza

della tua misericordia.

Asciuga le sue lacrime,

lava tutto il suo marciume,

rivestila di splendore,

per presentarsi  a te

ornata di fedeltà, povertà,

mitezza.

 

 

 

Mons. Bettazzi ci ha accolto, migranti del lavoro, quando abbiamo iniziato la prima esperienza lavorativa a Ivrea.

   Spaesati, in un contesto culturale nuovo, ci ha fatto sentire a casa.

   Già ,studenti di Ginnasio, l’avevamo incontrato, senza ancora capire chi era, quando  nel 68, abbiamo partecipato alla marcia della Pace di Pax Christi a Gibellina.

L’abbiamo poi conosciuto: gentile, accogliente, garbato, ironico nel raccontare barzellette, profetico per una Chiesa spoglia di clericalismo e burocrazia.

Monsignor Luigi Bettazzi è scomparso questa mattina prima dell’alba a 99 anni (ne avrebbe compiti 100 anni il 26 novembre) e fine alla fine è stato sempre  disponibile e aperto al dialogo. Lui che era rimasto l’ultimo dei Padri conciliari, in una intervista, già sognava un Vaticano III.

Poco prima della chiusura del Vaticano II scese con alcuni Padri Conciliari (la maggior parte dei quali della Chiesa latino-Americana) nelle Catacombe di Domitilla a Roma per celebrare una Eucaristia chiedendo fedeltà allo Spirito di Gesù.( Patto delle Catacombe)

   E’ stato tra noi a Castelbuono più volte.

Nel 2008 in occasione del 50 dell’Istituzione della Parrocchia Maria Assunta nella lectio da Lui presieduta ebbe a dire: “ La parrocchia non sia un ufficio, una macchina distributrice di sacramenti e certificati”.

Era nato a Treviso ma si era trasferito da giovane a Bologna dove aveva ricevuto l’ordinazione sacerdotale il 4 agosto 1946Il 10 agosto 1963 la nomina a vescovo ausiliare di Bologna cui seguì il 4 ottobre la consacrazione episcopale.

Vescovo di Ivrea, dal 15 gennaio 1967 non si chiuse nella sua diocesi ma servì la Chiesa universale impegnandosi per la causa della non violenza,e della pace ( ha vinto, nel 1985,il Premio  Internazionale dell’Unesco per l’Educazione alla Pace.); vicino alle lotte sindacali ( Olivetti e Lancia di Chivasso)  dialogante con chiunque  (non possiamo dimenticare  lo scambio epistolare con il segretario del Partito comunista italiano Enrico Berlinguer. )

Nel 1978, assieme  ai  vescovi Clemente Riva e Alberto Ablondi, chiese di potersi offrire prigioniero in cambio del presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro rapito dalle Brigate Rosse;  richiesta respinta dalla Curia Romana.

Queste le parole che ha scelto monsignor Farinella per ricordarlo: «“Non ti cerchiamo tra i morti, ma tra i vivi” (Lc 24, 5). Care sorelle, cari fratelli, alle prime ore dell’alba di questa mattina, domenica 16 luglio, il Signore ha chiamato a sé il Vescovo emerito di Ivrea mons. Luigi Bettazzi. È il Vescovo che mi ha cresimato, ordinato diacono e presbitero ed infine, come Vescovo co-consacrante mi ha “messo le mani sul capo” all’ordinazione episcopale, chiamato a diventare vostro Pastore. Affido a queste poche righe il mio ricordo e il cordoglio, invitando alla preghiera per lui, che tante volte è stato in mezzo a noi. Il Vescovo Luigi è stato un autentico Maestro con i suoi insegnamenti di vita, un vero Padre nei momenti belli e difficili della vita, e un grande esempio per il suo fiero amore alla Chiesa e l’impegno per la giustizia e la pace. Proverbiale è la sua carica umana e la sua capacità di intessere relazioni, improntate dal suo senso di arguzia e di allegria, forte quanto il suo impegno schietto per la giustizia, la pace e l’impegno per gli ultimi e gli indifesi.
Ho avuto la grazia di potergli stare accanto ieri, nel suo ultimo sabato terreno, nella sua residenza di Albiano, mentre lucidamente e serenamente si avviava a varcare le porte della vita eterna. Circondato dalle persone che, da tempo, lo accudivano con grande amorevolezza, sostenuti dall’invito alla preghiera del Vescovo di Ivrea mons. Edoardo Cerrato, incoraggiati dalle tante visite e attestazioni di riconoscenza e di amore al Vescovo Luigi, che ricoprono un arco ecumenico per appartenenza di diverso credo religioso e impegno sociale e civile, Egli come i Patriarchi biblici, Vescovo del Concilio Vaticano II, carico dei suoi anni, ricco in umanità, saggezza e misericordia, uomo delle beatitudini secondo il Vangelo e ricco di una fede incrollabile e di una grande intelligenza spirituale e culturale, continuerà ad essere sempre l’autentico testimone di pace e il Pastore di una Chiesa accogliente, aperta al dialogo con tutti, sinodale ante litteram, pronta a mettersi in gioco per la verità e per servire il bene comune, vicino a chi soffre. Sono tanti i ricordi e i motivi di gratitudine personali che in questo momento albergano nel mio cuore. Un sentimento che li vuole raccogliere tutti è la semplice parola “grazie” per quel suo ultimo sorriso e la sua mano rivolta verso l’alto a pregare il Padre Nostro e a dare la sua benedizione. Fino alla fine ha offerto e sperato di poter vedere riconciliati gli animi e realizzata la pace nel cuore degli uomini, nella Chiesa e nel mondo. Anche facendoci compiere lucidamente con le ultime forze che aveva un gesto di grande valenza: ha preso le mani di alcuni di noi presenti per stringerle con la sua in una promessa di continuare il suo impegno e il suo desiderio di vedere realizzati perdono e riconciliazione.
Riposa in Pace, Vescovo Luigi: anche nella tua ultima ora ci hai insegnato a ripetere con fiducia la preghiera di abbandono di fratel Carlo de Foucauld: “Affido l’anima mia alle tue mani, Te la dono mio Dio, con tutto l’amore del mio cuore perché ti amo, ed è un bisogno del mio amore di donarmi di pormi nelle tue mani senza riserve con infinita fiducia perché Tu sei mio Padre”. La accogliamo come una consegna e un impegno».

Di seguito video dei funerali.

www.ilconfronto.com

Il Signore mi ha dato di percorrere parte della mia vita con un Angelo.

Angelo Mazzola nasceva a Castelbuono il 18 Novembre del 1948 e crebbe in un ambiente familiare religioso.

Fin da piccolo la mamma è stata una presenza fondamentale nel suo cammino, come ben lo dimostra la poesia a lei dedicata:

“Ora mamma…. camminerò solo,

 

ma ancora mi darai il tuo aiuto…sempre!

Ti davo un bacio nel sonno

come ora quegli occhi di pianto,

ora i tuoi capelli…serti di cigli sul tuo capo

Aprimi il fazzoletto come allora,

nel fazzoletto…. quello ricamato dal mio cuore

conservo le tue lacrime

ricordo d’amore.

Dopo le elementari fu accolto nel seminario dei Padri Conventuali di Montevago e successivamente fece il noviziato ad Assisi. Poi…non sapendosi accomodare…lascia e, malgrado avesse compiuto i primi studi liceali, ritornando a Castelbuono è costretto a rifrequentare le medie, poi il liceo.   ..poi l’impegno  nel sindacato, nella politica , le esperienze di aggregazioni nei recital, l’università, il fidanzamento…  poi Spello e al ritorno la scelta di lasciare tutto, anche di completare la tesi di laurea e conseguire il diploma di laurea, per donarsi al suo Signore.

Nel 1977 con Angelo Mazzola, dopo aver visto, per due volte, il Musical Caino e Abele di Toni Cucchiara, presi dall’entusiasmo, abbiamo realizzato un musical tutto nostro. Lui pensò ai testi e io alle musiche, scambiandoci opinioni e suggerimenti nel montarlo, spesso in macchina sulla strada per Gibilmanna.

Abbiamo coinvolto centinaia di persone nella realizzazione: tutti ci siamo dati una mano nel metter in funzione la chiesa del “Crocifisso” abbandonata. Sfidando ogni pericolo camminavamo sugli alti cornicioni senza protezione e sul soffitto per sollevare i lampadari, nonché pulire la chiesa per renderla bella e fruibile. Le luci, poi,  le abbiamo costruite artigianalmente con faretti e una cassetta in legno fatta con potenziometri rumorosissimi…

Il titolo,Angelo, allora militante del PCI, lo “tirò fuori” contestualizzando   le condizioni politiche e il vissuto della gente ( soprattutto dei giovani) di quel periodo e  il brano di Isaia 11 .. e così nacque “… e il Bimbo giocherà con l’onorevole

E’ stata una esperienza, unica, irripetibile meravigliosa, con un grande coinvolgimento e successo di pubblico.

Dopo circa due anni, presi dall’entusiasmo un altro lavoro: PESAH che fu anch’esso pure partecipato … ma non lasciò lo stesso ricordo del primo.

Rileggendo Pesah, a distanza di 43 anni, e ripercorrendo la vita di Angelo fino alla sua morte nell’85, la rilettura attenta del testo non può che squarciare, trapassare  la nube che spesso oscura la contemplazione di un Dio fatto PAROLA per accompagnare il cammino verso la certezza che Lui È …Lui è e non può essere  una invenzione dell’uomo per non uccidersi ( come riportato nei  “ Demoni” di F. M. Dostoevskij,  quando Kirillov, mentre camminava per la stanza  diceva: “L’uomo non ha fatto altro che inventare Dio per vivere senza uccidersi;” o  come riportato  nel Saggio “ il Mito di Sisifo”  di  A. Camus ).   

“ IO SONO   non cessa di essere presenza vera e viva  in una PAROLA che parla nel silenzio, dimora nel silenzio   per annientare il buio della notte che spesso ci troviamo a percorrere.

Questa l’introduzione di Angelo, allora, al “ Teatro-Musica” Pesah.

“ Pesah, per l’ebreo, significa Pasqua, cioè passaggio del mar Rosso e quindi dalla schiavitù alla liberazione e alla libertà …

Pasqua, per il cristiano, è il passaggio dalla morte alla vita, dalle tenebre alla luce, dall’oppressione al coraggio della scelta …

Scelta significa lasciare qualche cosa per prenderne un’altra ….

Scelta è, anzitutto, libertà….

Solo se si è liberi si può rispondere alla chiamata di una voce che parla nel silenzio del deserto…

Chiamare è chiamare per nome; è un chiamare personalizzato.

Rispondere alla chiamata implica coraggio, padronanza di sé e fiducia in Colui che chiama…

Pesah è il nostro cammino.

In esso abbiamo entusiasmo e abbattimento, sicurezza e dubbio, gioia e stanchezza.

Di seguito alcune clip realizzate oggi con strumenti virtuali e cantanti virtuali che  sostituiscono “ il cantato”, fruibile attraverso le scritte scorrevoli che accompagnano i vari fotogrammi.  (click sull’immagine per aprire il video)

YouTube YouTube YouTube YouTube YouTube
“..E il Bimbo giocherà con l’onorevole” V Parte – La profezia” PESAH – I Parte – Mosè PESAH – II Parte – Isaia PESAH – III Parte – Osea PESAH – IV Parte – Maria ( Annunciazione-Visitazione)
Pesah V Parte ( Giovanni Battista, Chiamata degli Apostoli e Giovane ricco )

Francesco:

www.ilconfronto.com

Madre Teresa:

www.ilconfronto.com

Andrea:

www.ilconfronto.com

Video Completo:

Di seguito i copioni del musical:

Formato Tablet Formato ISO B4( Stampabile A-R) Formato A4 ( Stampabile A-R)
Utenti Collegati
Liturgia del giorno
Cliccando sulle icone link per visualizzare e accedere alla liturgia del giorno e alla liturgia delle ore.
Video new
Per vedere i filmati clik sull'icona di quello che scegli di vedere
Video Ros
www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com YouTube
Le vignette di T&T
Cliccando sulla immagine link per visualizzare le vignette. Richiedi password per accedere

 


www.ilconfronto.com

Concili
nella storia
della Chiesa

Piccola
biblioteca
da "sfogliare"

Raccolta video
"Il Confronto"

I Migranti sono
Persone..
non questioni
migratorie

Riflessioni sui
Migranti:
ricordando
La storia
di Ruth

P. Sorge
La politica
di chiusura
Mostrerà
la propria
disumanità

Lettera al
Presidente
della Repubblca
delle clarisse
carmelitane

Il nuovo patto
delle Catacombe
Chiesa povera
per i poveri

Cardinale Zuppi
a "Che tempo che fa"

Papa Francesco
a "Che tempo che fa"