VISITE
Vangelo del giorno
Domenica 20 Novembre 2022
        In  quel tempo, [dopo che ebbero crocifisso Gesù,] il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto».
Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell’aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c’era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei».
Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male».
E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».


(Lc 23,35-43)
Bibbia – CEI 2008
Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

  L’abbiamo atteso con ansia, curiosità, forse anche timore …  ma incontrandolo ci ha testimoniato che il vero grande è assolutamente semplice umiledisponibile.  

 Marco  Frisina è stato tra noi meno di 24 ore, ma, nella comprensibile stanchezza, si è donato con tutte le sue forze alla nostra comunità …  e ci ha regalato grandi emozioni, soprattutto quando la sera del 23 Luglio,  con grande sensibilità e gentilezza – lui che dirige un grande e vero coro – ha diretto il coro della nostra comunità parrocchiale nell’esecuzione del canto “ Chi ci separerà”.

  Il suo arrivo tra noi, come annunziato, chiude il percorso dell’anno giubilare del 50° dell’Istituzione della Parrocchia Maria Assunta che ha avuto come epilogo la consegna dell’organo a canne costruito dai Fratelli Cimino di Agrigento.

  E’ rimasto entusiasta del nostro paese e delle sue tradizioni, raccomandandoci di averne rispetto, perché lo Spirito agisce indipendentemente dal nostro sentire che spesso, in una ventata di modernità, vorrebbe abolire, cancellare più che completare ….

Come dicevamo il primo incontro con la nostra comunità la sera del 23 luglio verso le 22,30. Non si prevedevano tante persone, anche perché l’evento non è stato pubblicizzato. Eppure, il tam tam di quanti lo conoscono ha fatto convenire tanti suoi amici ed estimatori.

  Dopo un breve omaggio musicale in suo onore ( durante il quale il coro parrocchiale ha cantato brani inediti polifonici, canti dello stesso Marco Frisina e un canto del compianto Don Nino Ortolano – Aghios o Teos -), in una breve conclusione ci ha dato dei messaggi importanti e fondamentali sul canto liturgico che dovrebbe comunicare all’intimo di ognuno   quelle emozioni, spesso solo sfiorate dalla parola parlata..

  La mattina del 24 ha conosciuto, per quel che ha potuto nella limitatezza del tempo, alcuni luoghi e realtà del nostro paese.  Commovente la  visita alla stanza di Suor Rosina La Grua.

 Durante questa sosta ci ha parlato della colonna sonora della nuova fiction televisiva su San Filippo Neri che andrà in onda sulla Rai in autunno, canticchiandoci un tema ricorrente “ paradisi, paradisi ..” che ha coinvolto tutti i tecnici e gli operatori della fiction stessa.

  Nel pomeriggio del 24 la presentazione ufficiale del nuovo organo a canne alla presenza delle varie autorità cittadine.

  Ha introdotto l’incontro il Parroco Don Angelino Calì auspicando che il nuovo organo possa soprattutto essere strumento per una liturgia più autentica e partecipata.

  Ha preso poi la parola Don Marco Frisina che ha ribadito quanto detto la sera precedente in merito al canto liturgico che dovrebbe completare quanto la parola “non dice… “. Un invito ancora a non essere prevenuti dinanzi alla fede popolare che è ricca di semplicità e di umiltà.

  Di seguito ha preso la parola il M.stro Diego Cannizzaro che ha illustrato le caratteristiche del nuovo organo a canne, antico nella sonorità ma assolutamente moderno nelle varie perfomance e capacità telematiche. 

Ha poi parlato degli altri organi a canne del nostro paese,citando in modo particolare quello della Chiesa di San Francesco, il secondo, forse,  – dopo quello di Treviso – se non addirittura il primo per antichità.

  Poi gli interventi del Sindaco Mario Cicero che espresso soddisfazione per quanto questo nuovo organo potrà offrire, in  termini di cultura,   alla comunità castelbuonese e ai vari numerosi visitatori, in particolari manifestazioni, come quelle della settimana di musiche per organo.

 Un plauso tra le varie realtà musicale all’Associazione Musicale “ G. Verdi”, palestra di cultura, formazione e aggregazione.

La conclusione al Sig. Salvatore Abbate che, a nome delle varie confraternite, ha espresso sentimenti di gioia e ringraziamento per l’arrivo del nuovo organo a canne.

   Questa un po’ la cronaca vissuta o detta quando non è stato possibile presenziare i vari momenti.

Da un punto di vista personale la consapevolezza di aver incontrato un grande che cammina con la semplicità di un bimbo, l’entusiasmo dei semplici, l’estro e la fantasia di chi mette mano alla composizione solo dopo la contemplazione dell’Eterno che fa meraviglie servendosi di piccoli grandi uomini.

Lascia un commento

Utenti collegati
Liturgia del giorno
Cliccando sulle icone link per visualizzare e accedere alla liturgia del giorno e alla liturgia delle ore.
Le vignette di T&T
Cliccando sulla immagine link per visualizzare le vignette. Richiedi password per accedere

 


www.ilconfronto.com

Concili
nella storia
della Chiesa

Piccola
biblioteca
da "sfogliare"

Raccolta video
"Il Confronto"

I Migranti sono
Persone..
non questioni
migratorie

Riflessioni sui
Migranti:
ricordando
La storia
di Ruth

P. Sorge
La politica
di chiusura
Mostrerà
la propria
disumanità

Lettera al
Presidente
della Repubblca
delle clarisse
carmelitane

Il nuovo patto
delle Catacombe
Chiesa povera
per i poveri

Cardinale Zuppi
a "Che tempo che fa"