VISITE
Vangelo del giorno
Lunedì 25 Maggio 2020


In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio». Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me. Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».


(Gv. 16,29-33)
Bibbia – CEI 2008
Cerca nella BIBBIA
Per citazione
(es. Mt 28,1-20):
Per parola:

Ricordando Alda Merini

"Corpo d’amore."

Dicono che le sorgenti d’amore siano le lacrime ma il pianto non è che un umile lavacro dei tuoi pensieri. (…) Tu sei un Dio materno e plurimo, un Dio che si disconosce e che si converte, un Dio buono come l’odio e la gelosia, un Dio umano che si è fatto croce, che si è fatto silenzio, un Dio che si converte in estasi ma che conosce il mistero della collera (…)

Libri da leggere

 

Click sulle copertine per aprire i libri

 

Racconti di un pellegrino russo

Il piccolo Principe

Il gabbiano Jonathan Livingston

Dio su una Harley

Ascoltare la parola

Recensione libri
 libro-Dossettir

Concili nei secoli
Clck sull’icona per aprire il documento



I° CONCILIO DI NICEA



I° CONCILIO DI COSTANTINOPOLI



I° CONCILIO DI EFESO



I° CONCILIO DI CALCEDONIA



II° CONCILIO DI COSTANTINOPOLI



III° CONCILIO DI COSTANTINOPOLI



II° CONCILIO DI NICEA



IV° CONCILIO DI COSTANTINOPOLI



LETTERA A DIOGNETO


I° CONCILIO LATERANENSE



II° CONCILIO LATERANENSE



II° CONCILIO LATERANENSE



IV° CONCILIO LATERANENSE



I° CONCILIO DI LIONE



II° CONCILIO DI LIONE



CONCILIO DI VIENNA



CONCILIO DI COSTANZA



CONCILIO DI BASILEA



V CONCILIO LATERANENSE


CONCILIO DI TRENTO



CONCILIO VATICANO I°

 

È online il nuovo sito consultabile al seguente indirizzo: http://www.laikos.it/

Con l’arrivo dell’organo a canne un artista umile, semplice pieno di fede ci ha visitato: tra noi Mons. Marco Frisina.

  L’abbiamo atteso con ansia, curiosità, forse anche timore …  ma incontrandolo ci ha testimoniato che il vero grande è assolutamente semplice umiledisponibile.  

 Marco  Frisina è stato tra noi meno di 24 ore, ma, nella comprensibile stanchezza, si è donato con tutte le sue forze alla nostra comunità …  e ci ha regalato grandi emozioni, soprattutto quando la sera del 23 Luglio,  con grande sensibilità e gentilezza – lui che dirige un grande e vero coro – ha diretto il coro della nostra comunità parrocchiale nell’esecuzione del canto “ Chi ci separerà”.

  Il suo arrivo tra noi, come annunziato, chiude il percorso dell’anno giubilare del 50° dell’Istituzione della Parrocchia Maria Assunta che ha avuto come epilogo la consegna dell’organo a canne costruito dai Fratelli Cimino di Agrigento.

  E’ rimasto entusiasta del nostro paese e delle sue tradizioni, raccomandandoci di averne rispetto, perché lo Spirito agisce indipendentemente dal nostro sentire che spesso, in una ventata di modernità, vorrebbe abolire, cancellare più che completare ….

Come dicevamo il primo incontro con la nostra comunità la sera del 23 luglio verso le 22,30. Non si prevedevano tante persone, anche perché l’evento non è stato pubblicizzato. Eppure, il tam tam di quanti lo conoscono ha fatto convenire tanti suoi amici ed estimatori.

  Dopo un breve omaggio musicale in suo onore ( durante il quale il coro parrocchiale ha cantato brani inediti polifonici, canti dello stesso Marco Frisina e un canto del compianto Don Nino Ortolano – Aghios o Teos -), in una breve conclusione ci ha dato dei messaggi importanti e fondamentali sul canto liturgico che dovrebbe comunicare all’intimo di ognuno   quelle emozioni, spesso solo sfiorate dalla parola parlata..

  La mattina del 24 ha conosciuto, per quel che ha potuto nella limitatezza del tempo, alcuni luoghi e realtà del nostro paese.  Commovente la  visita alla stanza di Suor Rosina La Grua.

 Durante questa sosta ci ha parlato della colonna sonora della nuova fiction televisiva su San Filippo Neri che andrà in onda sulla Rai in autunno, canticchiandoci un tema ricorrente “ paradisi, paradisi ..” che ha coinvolto tutti i tecnici e gli operatori della fiction stessa.

  Nel pomeriggio del 24 la presentazione ufficiale del nuovo organo a canne alla presenza delle varie autorità cittadine.

  Ha introdotto l’incontro il Parroco Don Angelino Calì auspicando che il nuovo organo possa soprattutto essere strumento per una liturgia più autentica e partecipata.

  Ha preso poi la parola Don Marco Frisina che ha ribadito quanto detto la sera precedente in merito al canto liturgico che dovrebbe completare quanto la parola “non dice… “. Un invito ancora a non essere prevenuti dinanzi alla fede popolare che è ricca di semplicità e di umiltà.

  Di seguito ha preso la parola il M.stro Diego Cannizzaro che ha illustrato le caratteristiche del nuovo organo a canne, antico nella sonorità ma assolutamente moderno nelle varie perfomance e capacità telematiche. 

Ha poi parlato degli altri organi a canne del nostro paese,citando in modo particolare quello della Chiesa di San Francesco, il secondo, forse,  – dopo quello di Treviso – se non addirittura il primo per antichità.

  Poi gli interventi del Sindaco Mario Cicero che espresso soddisfazione per quanto questo nuovo organo potrà offrire, in  termini di cultura,   alla comunità castelbuonese e ai vari numerosi visitatori, in particolari manifestazioni, come quelle della settimana di musiche per organo.

 Un plauso tra le varie realtà musicale all’Associazione Musicale “ G. Verdi”, palestra di cultura, formazione e aggregazione.

La conclusione al Sig. Salvatore Abbate che, a nome delle varie confraternite, ha espresso sentimenti di gioia e ringraziamento per l’arrivo del nuovo organo a canne.

   Questa un po’ la cronaca vissuta o detta quando non è stato possibile presenziare i vari momenti.

Da un punto di vista personale la consapevolezza di aver incontrato un grande che cammina con la semplicità di un bimbo, l’entusiasmo dei semplici, l’estro e la fantasia di chi mette mano alla composizione solo dopo la contemplazione dell’Eterno che fa meraviglie servendosi di piccoli grandi uomini.

Lascia un commento

Utenti collegati
Liturgia del giorno
Articoli in evidenza
Suor Rosina della Croce
Cliccando sulle due icone puoi vedere il primo e secondo atto del "musical",
YouTube YouTube
Io Francesco piccolo ….
In questo box il Testo del Teatro-Musica " Io Francesco piccolo ... l'ultimo dei minori"

( Cliccando sulla locandina è possibile aprire il file del "copione" e/o scaricarlo)

Di seguito alcune clip video di prova.

( Cliccando sull' icona della clip è possibile aprire il video) www.ilconfronto.com
PRIMA PARTE: La conversione- La spogliazione.


SECONDA PARTE: la regola.


TERZA PARTE: Francesco e Chiara: " Audite poverelle"
Kenosis-Passio Domini
Cliccando sulle tre icone puoi vedere i tre filmati "Staba Mater" e " Passio Domini" " Apocalypsis Die " eseguiti a Castelbuono il 21 Aprile 2004 ore 20,30 nella Chiesa di San Francesco. - Cliccando sull'icona " Kenosis" potrai leggere o scaricare il libretto dei testi in pdf,
Passio Domini www.ilconfronto.com

Video new
Per vedere i filmati clik sull'icona di quello che scegli di vedere
www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com www.ilconfronto.com YouTube
Articoli in evidenza


L’arte consapevole del toccare

 

Qual è stata la rinuncia più grande nei mesi di “clausura” e di distanza richieste per fermare il contagio? Nel conversare con amici, al telefono o sui social, fin dall’inizio è emerso che la fatica maggiore era il non poter più neppure dare la mano a chi si incontrava, tantomeno un abbraccio.
Già nei giorni precedenti la “clausura” questa distanza veniva richiesta e, anche se di malavoglia, ci sorridevamo di lontano, alzavamo la voce per farci sentire, senza avvicinarci. Non è stato facile imparare di colpo la regola della non-prossimità. Anche nella mia convivenza-comunità abbiamo obbedito a queste norme: posti a tavola distanziati, nessun abbraccio nella liturgia, niente segni di attenzione e di confidenza che mettessero in funzione il senso del tatto.
Per spontanea reazione, siamo diventati più che mai digitali per comunicare, per non sentirci soli, in una sorta di bulimia di contatti, pur virtuali. Paradossale: negazione del contatto corporeo e folle bisogno di essere sempre “in contatto”, molto più di quanto facevamo prima (che già non era poco!). L’ho verificato anch’io: molti che non sentivo o vedevo da tempo sono tornati a cercarmi in questo modo. Abbiamo dunque vissuto senza contatti fisici, reprimendo l’affezione e l’empatia che solo l’incontro personale può dare. E siamo stati feriti dal sapere che i malati andavano verso la morte isolati e privati della possibilità di contatti fisici, quando più ne avrebbero avuto bisogno.
Tutto ciò mi ha fatto riflettere sul tatto, il senso più “antico”, attivo in ciascuno di noi fin dalla condizione di feto nel grembo materno. Il tatto è sempre in esercizio per ogni animale vivente. Ogni giorno della nostra vita, fino a quello della morte, quando qualcuno, toccandoci, dirà: “Non respira più!”. Il tatto è reciproco, si accende grazie al con-tatto. È mediante il tatto che realizziamo la relazione del corpo con il mondo: il nostro corpo tocca e prende qualcosa dal mondo che, a sua volta, è tangibile. Ed è il tatto che, più degli altri sensi, attesta l’esperienza certa, secondo l’espressione comune: “Toccare per credere”.
Il tatto ci dice in particolare dove l’altro si situa, vicino o lontano, appena sfiorato o stretto, abbracciato; è il senso che più ci accende di gioia e piacere nelle relazioni, fino all’esultanza. Per questo abbiamo bisogno non solo di scambiare parole o sguardi ma di sentire reciprocamente i corpi accanto, di accarezzare o imprimere un bacio. Nell’esercizio del tatto le mani sono il linguaggio comune, ben oltre le parole. Quale ineffabile arte la carezza…
Quando – speriamo presto – torneremo a stringerci la mano, ad abbracciarci e a baciarci, cerchiamo di essere consapevoli di questo senso e della sua qualità decisiva per la nostra vita. Senza demonizzare la comunicazione virtuale, così utile in questo tempo di pandemia, torniamo a usare le mani e il corpo per vivere la comunicazione come opera d’arte. E il cuore accompagni il tatto, affinché l’epidermide viva e vibri grazie all’arte consapevole del toccare, capace di illuminare le nostre giornate.

(Enzo Bianchi- “Repubblica” – 11 Maggio 2020)